detrazioni

AGEVOLAZIONI FISCALI

Contributi del Conto Termico

Dal 31/05/16 è entrato in vigore il cosiddetto “Conto Termico 2.0”, che rispetto al precedente Conto Energia inaugurato del 2013 prevede alcune semplificazioni e l’ampliamento degli interventi incentivabili. Si tratta sempre di un contributo in denaro concesso per l’acquisto di stufe, termocamini e caldaie a biomassa che rispondano a particolari requisiti e che siano installate in sostituzione di alcune tipologie di impianti di riscaldamento già esistenti.

Non si tratta di una detrazione fiscale, ma di un incentivo erogato direttamente dal GSE al richiedente in un’unica soluzione nel caso di un contributo minore o uguale a 5.000 €, quindi praticamente in tutti i casi di stufe, caminetti o caldaie a biomassa. L’incentivo viene erogato in 2 mesi dalla data di attivazione del contratto (pagamento prima rata ultimo giorno del mese successivo a quello del bimestre in cui ricade la data di attivazione del contratto).

Qui trovate un ulteriore approfondimento sull’acquisto stufa detrazione.

Detrazione fiscale 50% per ristrutturazione edilizia

Potete ottenere una detrazione fiscale Irpef del 50% in dieci anni dell’importo pagato per l’acquisto e l’installazione di una nuova stufa o camino (con rendimento superiore al 70%) in quanto considerati “opere finalizzate al risparmio energetico” nel contesto di un’attività di ristrutturazione edilizia.

Attenzione, la detrazione del 50% è stata prorogata fino al 31/12/18.

Detrazione fiscale per la riqualificazione energetica (ex 65%)

 
IN COSA CONSISTE

Dal 1° gennaio 2018 la detrazione cosiddetta “ecobonus” per la sostituzione di impianti di riscaldamento con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili è passata dal 65 al 50%.

Attenzione! In attesa di alcuni documenti fondamentali, in particolare le guide dell’Agenzia delle Entrate e i Vademecum Enea aggiornati, forniamo qui di seguito le specifiche per quanto riguarda la detrazione 65% valida fino al 31/12/17.